14apr

serie C: giù il cappello per Evo Volley Elledue

| Visualizzazioni (392) | Torna indietro |

Evo Volley Elledue - Libellula volley 3-1

27-25, 19-25, 25-18, 25-18

Che fosse una partita non semplice lo si sapeva sin dalla partita di andata: in tutte le proiezioni prudenziali, che sono diventate l'hobby della dirigenza Libellula per calcolare le previsioni sulla posizione finale della regular season, questi tre punti non erano mai tutti presenti , si pensava ad un 3-2 positivo per i più ottimisti, negativo per i pessimisti, questione di carattere.

Ne esce infine una meritatissima vittoria per le Casalesi, che hanno saputo arginare il gioco delle Libellule, concentrarsi sulla loro strategia di gioco e portare a casa un risultato che, seppur puramente simbolico, consente a tutti la valutazione che questa è la squadra che avrebbe dovuto essere la vera antagonista e che lo ha dimostrato togliendo punti a tutte e tre le prime classificate del campionato.

Nessuna recriminazione quindi per questa meritata sconfitta delle Libellule, tranne quella dell'infortunio di Stefania Garnero a fine primo set, infortunio che rischia di tenere fuori la preziosa giocatrice proprio nel momento clou della stagione: attendiamo notizie dall'infermeria con molta preoccupazione!

Come sempre, Francesca Conte si è fatta trovare prontissima all'ingresso, consentendo alla squadra di mantenere i suoi standard qualitativi di gioco: un vero encomio a lei per la sua capacità ed abnegazione.

 Veniamo alla partita.

Libellule in campo con il sestetto consolidato: Cammardella Rossana, Montà, Martina, Garnero, Vinciarelli, Panetta ed Elisa Cammardella (libero).

Padrone di casa in campo con Del Nero, Furegato, Fracchia, Farina, Dell’Oste, Deambrogio e Imarisio (libero).

La gara è bella e intensa, con le padrone di casa libere da ogni pressione psicologica di classifica e che si permettono gesti plastici alla ricerca del puro spettacolo. Libellule alla ricerca dei tre punti che valgono il primato matematico in classifica.

Punto a punto con una Furegato superlativa per le padrone di casa, e con Martina, Vinciarelli e Montà che rispondono colpo su colpo. Il primo break è dell'Evo che strappa a 18-15. Le Libellule non ci stanno e Vinciarelli riporta a 20 pari la situazione con un ottimo ace dal servizio. Sono di nuovo le Casalesi ad andare avanti sino a quel maledetto 23-21 che vede l'infortunio di Garnero.

Partita sospesa, 118 sul campo e grande preoccupazione in casa Libellula.

Si riprende e le padrone di casa colpiscono ancora con un ace di Deambrogio. Parte una reazione di orgoglio delle Libellule che addirittura superano le padrone di casa 24-25. Palla del set che però viene annullata dall'Evo che, con grande determinazione, ricostruisce con Fracchia e Farina per il 26-25.

Ancora Farina mette giù un pallone che viene giudicato buono dall'arbitro e l'Evo porta a casa il set.

Si riparte e le Libellule non ci stanno. Partono con il loro gioco corale ed avvolgente e salgono in cattedra. 7-10, 8-13, 12-19, l'impressione è che si vada verso la "solita" vittoria. Non è così, le Casalesi vogliono ben figurare stasera e, complice qualche piccolo errore delle Libellule, risalgono a 17-20. Ci pensa la pantera di Gubbio, Vinciarelli, con un doppio ace a sistemare il tutto e portare a casa il secondo set 19-25 e uno pari.

Terzo set con leggero predominio territoriale dell'Evo, ma le Libellule sono sempre pronte a recuperare l'incollatura restando a tiro di set. Si arriva così, con un gioco sempre spumeggiante al 18-16. Qui Furegato e company danno lo strappo finale e le Libellule restano a guardare. 25-18 e 2-1 per l'Evo.

Quarto set fotocopia del terzo. Predominio leggere dell'Evo fino al 16-14, poi l'Evo vola via e bissa il 25-18.

3-1 per l'Evo e giù il cappello da parte della capolista ad una squadra di grande carattere e contenuto tecnico.

Le statistiche recitano questo:

Muri fatti Libellula 12 Evo 11
Battute punto : Libellula 5 Evo 7 
Errori: Libellula 20 Evo 26

Ben tre top scorer pari merito a 14 punti ciascuno nelle file Libellula: Martina, Montà e Vinciarelli, che proseguono la loro sfida interna con simpatica e solidale competizione.

Un tabellino da vittoria, ma questa volta non è stato sufficiente a ulteriore riprova del valore dell'Evo.

Immediatamente l'attenzione va agli altri campi ed arriva la notizia dell'impensabile sconfitta dell'Alba a Novi per 3-2. Perdiamo quindi un solo punto sulla seconda, restando a +6, esattamente come sei sono i punti che restano in palio per le prossime due partite. Matematicamente quindi resta possibile il sorpasso del Novara sull'Alba, Novara a -3, fatto che porterà sabato prossimo alle 20:45 alla Libellula Arena un Novara con il coltello tra i denti.

Alle atlete di coach Oriana serve un solo punticino per la matematica certezza del primo posto in classifica, ma questo non sarebbe nello stile Libellula: "on ne laisse rien" è lo slogan per onorare tutti, pubblico e avversarie, e per mantenere alta la concentrazione per i match successivi che valgono una stagione intera!

 

Libellula Volley

Via Gabotto, 120
12042 - Bra (CN)
info@libellulavolley.it

Seguici sui social

Libellula Volley è Social!
Puoi seguire le nostre partite, i nostri calendari, anche su Facebook e Instagram! Cosa aspetti! Seguici!